L’affascinante storia dei pigmenti, il colore per le tecniche artigianali

pigmenti_colorati
I pigmenti sono una sostanza colorata di origine naturale o artificiale, componente essenziale per la colorazione di vernici e pitture.

Già nella preistoria venivano usati come pigmenti il gesso, la terra ocra e il nero ricavato dal carbone di legna e le testimonianze sono visibili sino ad oggi nelle pitture rupestri, mentre in un sempre lontano passato, Egizi, Greci, Romani li utilizzavano per le loro opere pittoriche e affreschi.

       laboratorio-patine-sapone-cera

I pigmenti puri come dice la parola stessa, sono non derivati dalla mescolanza con altri pigmenti; i non puri sono invece la risultanza della mescola fra pigmenti.

Hanno potere coprente, colorante, stabilità e luminosità.

Principalmente per potere coprente si intende il numero di mani che occorrono per coprire il lavoro con colorazione già esistente; il potere colorante è inteso per quantità di pigmento che occorre per modificare un impasto contenente già un’altra colorazione.

Si presentano sotto forma di polveri colorate, e dopo aver subito processi chimici e/o fisici e secondo una classificazione basata sull’origine e sulla loro natura chimica, si suddividono in due gruppi, Pigmenti inorganici, Pigmenti organici, lavorati in settori industriali diversi, quella mineraria e l’industria del colore.

Quelli inorganici e terre, sono ricavati da minerali di origine alluvionale o sedimentaria e si trovano in natura e solo dopo lavorazioni semplici come l’estrazione, la frantumazione e la separazione e in alcuni casi la cottura.

In questa categoria, possiamo inserire il bianco di Meudon, il gesso e le terre naturali ocra, bruciate ed ambra.

La categoria degli organici, denominati ossidi, sono prodotti da estrazione di metalli base e componenti, attraverso procedimenti fisici e chimici.

In questo gruppo troviamo, l’ossido di piombo, di rame,di zinco, cromo, titanio, esempio bianco di titanio, gialli e rossi di cadmio e blu cobalto.

pigmenti

Possiamo dividere i pigmenti organici in due sottofamiglie a seconda se presenti in natura o che avvengono come derivati di lavorazioni metallurgiche, esempio ne è il giallo Marte.

Se presenti in natura, sono poi suddivisibili in due sottocategorie, quelli di origine animale come ad esempio il bruno seppia, rosso porpora, rosso carminio e cremisi e quelli di origine vegetale, come ad esempio nero di vigna, e il blu indaco.

I pigmenti necessitano di un legante e in passato venivano usate colle di origine naturale come la colla di coniglio, il rosso d’uovo e i derivati del latte.

Oggi i più usano leganti sintetici (non nel mio caso che uso quelli naturali descritti sopra) come colle epossidiche, viniliche e acriliche etc etc.

Negli ultimi anni si è tornati a far uso di pigmenti ricavati da fiori detti “tintori” e radici e i più conosciuti tra i tintori sono lo zafferano, camomilla (gialli), l’hennè, la curcuma (rossi), il legno di campeggio ( i neri, blu scuro, viola e lilla) e il guado e indaco (blu).

Io stessa nel Laboratorio di patine , oltre ai pigmenti, faccio utilizzare i fiori tintori facilmente reperibili anche nelle nostre cucine.

pigmenti_naturali

(foto credit qui.)

Dopo aver utilizzato i coloranti acrilici, sono un po’ di anni che mi sono appassionata ai pigmenti e nelle mie ricerche ho trovato varietà di colori e siti dove è possibile acquistarli.

Qui di seguito vi inserisco i link, con un occhio particolare su quelli Armeni estratti da minerali e terre naturali provenienti da alcune regioni dell’Armenia.

Io ho scelto quelli sulla tonalità del rosa e viola, ma ci sono anche delle terre sul verde e giallo che sono stupende.

Questi pigmenti li potrete trovare qui, e anche qui.

L’ultima scoperta, è un sito francese (Provenza), lo trovate qui.

Vi aspetto ancora sul mio blog, e nei miei laboratori e corsi. Trovate tutte le info ed i dettagli a questa pagina.

 

2 pensieri su “L’affascinante storia dei pigmenti, il colore per le tecniche artigianali

  1. A me piacerebbe imparare a tingere i filati grezzi, ma lo dico così, a livello puramente teorico, perché non conosco né tecniche ne materiali. Però il mondo dei colori mi affascina moltissimo!

    1. Il colore , le tinte sono un mondo magico.
      Io faccio le tinte con prodotti naturali e per la stoffa sono adattissimi i fiori tintori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *